Gaza freedom is freedom for Palestine, a letter on the second anniversary of the March for Return

March 30, 2020

We4Gaza, salute Gaza people in the Land day and in the second anniversary of the March for Return and bring again to you our solidarity, as people of the world, to the struggle for the freedom, autonomy and return to their land of Palestinians.

Meanwhile, more attacks have been waged against the reunion on their land of Palestinians, against your sovereignty in and on it, and against your supporters abroad. And the siege on Gaza continues.

The price payed for the pacific quest for freedom and for showing the unity of the people of Gaza behind this quest, has been met with violence, fear and purposeful aggressivity and this finally has produced more attention and understanding by the world of your reasons, and of the criminality in the response and may be also matter of investigation in International criminal court, if the harassment that its personnel is recently denouncing will not prevail to mute it.

We today mourn again with the families of the victims of the March of return, we remember those who lost their ability to live a normal life and were maimed and we hope that the recognition that they are our living memory can be of support for them, while we try to help them to find a way in life.

We today find Gaza under a shared alarm, braced to do its best to contain and limit the spread of the viral infection which is riding the world. We are directly aware that even in European countries better off of in term of public health the capabilities to confront the epidemic are insufficient.

We are aware of the difficulties imposed on the Gaza health system by the precarity, purposefully imposed by the siege, and its aggravation by the equally purposeful maiming of thousands of protestors in the March of return and we understand and admire the present efforts of containment, quarantine, sanitation that Gaza is undertaking.

And while we hope our collective help will be able to reach you, we hope this emergency will not leave Gaza even less capable to run its public health, as at each previous emergency the system of occupation managed to make this happen. So, meanwhile and till we succeed, we continue to ask for the lifting of the siege and for an open channel by sea with the world through international waters and the building of a port.

We join the request to free the Palestinian prisoners in Israeli jails, the children prisoners, the administrative prisoners and for the health security now and the possibility to communicate with the families of all prisoners.

We, as people of the world are with you and will do our best to support in the emergency and for the long term struggle for freedom, return and better resources.

In solidarity

The people of the we4gaza appeal


ITALIAN

30 marzo 2020

Noi di We4Gaza salutiamo la gente di Gaza nella Giornata della Terra e nel secondo anniversario della Marcia per il Ritorno e mandiamo a voi la nostra solidarietà, come persone del mondo, nella lotta per la libertà, l’autonomia e il ritorno nella loro terra dei Palestinesi.

Nel frattempo sono stati lanciati ulteriori attacchi contro la riunione nella loro terra dei Palestinesi, contro la vostra sovranità dentro e su di essa e contro i vostri sostenitori all’estero. E l’assedio a Gaza continua.

Il prezzo pagato per la pacifica ricerca della libertà e per mostrare l’unità del popolo di Gaza dietro questa ricerca è stato accolto con violenza, paura e aggressività intenzionale; questo alla fine ha prodotto più attenzione e comprensione da parte del mondo delle vostre ragioni e della criminalità nella risposta e può anche essere oggetto di indagine presso il tribunale penale internazionale, se le molestie che il suo personale sta recentemente denunciando non prevarranno per silenziarlo.

Oggi piangiamo di nuovo con le famiglie delle vittime della Marcia del ritorno, ricordiamo coloro che hanno perso la capacità di vivere una vita normale e sono stati mutilati e speriamo che il riconoscimento che essi sono la nostra memoria vivente possa essere di supporto per loro, mentre cerchiamo di aiutarli a trovare una soluzione per la loro vita.

Oggi troviamo Gaza sotto un allarme condiviso, pronta a fare del suo meglio per contenere e limitare la diffusione dell’infezione virale che sta cavalcando il mondo. Siamo direttamente consapevoli che anche nei paesi europei meglio dotati in termini di salute pubblica le capacità per affrontare l’epidemia sono insufficienti. Siamo consapevoli delle difficoltà imposte al sistema sanitario di Gaza dalla precarietà, intenzionalmente imposta dall’assedio, e dal suo aggravamento causato dalla mutilazione altrettanto intenzionale di migliaia di manifestanti nella marcia del ritorno e comprendiamo e ammiriamo gli attuali sforzi di contenimento, quarantena, servizi igienico-sanitari che Gaza sta intraprendendo. E, mentre speriamo che il nostro aiuto collettivo sia in grado di raggiungervi, speriamo che questa emergenza non lascerà Gaza ancora meno in grado di gestire la sua salute pubblica, dato che, purtroppo, ad ogni precedente emergenza il sistema di occupazione è riuscito a farlo accadere. Quindi, nel frattempo e fino a quando non riusciremo ad avere successo, continueremo a chiedere la sospensione dell’assedio e un canale aperto via mare con il mondo, attraverso le acque internazionali e la costruzione di un porto.

Ci uniamo alla richiesta di liberare i prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane, i bambini prigionieri, i prigionieri amministrativi e di garantire la sicurezza sanitaria e la possibilità di comunicare con le famiglie di tutti i prigionieri.

Noi, persone del mondo, siamo con voi e faremo del nostro meglio per sostenere l’emergenza e la lotta a lungo termine per la libertà, il ritorno e risorse migliori.

In solidarietà

Le persone dell’appello di we4gaza

 

Avviso

Oggi, in segno di solidarietà, nelle nostre case, proietteremo un breve film fatto dalla nostra amica Monica Maurer, regista, del cineforum Palestina

 


LA LIBERTÉ POUR GAZA C’EST LA LIBERTÉ POUR LA PALESTINE – UNE LETTRE POUR LE DEUXIÈME ANNIVERSAIRE DE LA MARCHE DU RETOUR

30 mars 2020

Nous-Pour-Gaza, saluons le peuple de Gaza à l’occasion du deuxième anniversaire de la Marche du Retour et renouvelons notre solidarité en tant qu’habitants du monde, à la lutte pour la liberté, l’autonomie et pour le retour des Palestiniens sur leur terre

Cependant, de nouvelles attaques ont été menées contre la réunification de la terre palestinienne, contre votre souveraineté sur cette terre et contre ceux qui vous soutiennent à l’étranger. Et le siège de Gaza continue.

Le prix payé pour la quête pacifique de la liberté et pour montrer l’unité du peuple de Gaza derrière cette quête, a rencontré la violence, la peur et une agressivité ciblée, ce qui a finalement entraîné plus d’attention et de compréhension de vos raisons dans le monde, compréhension aussi du caractère criminel de la réponse et peut –être aussi matière à enquête de la cour pénale international, si le harcèlement récemment dénoncé par son auteur ne parvient pas à le faire cesser.

Aujourd’hui nous sommes en deuil avec les familles des victimes de la Marche du retour, nous nous souvenons de ceux qui ont perdu leur capacité à vivre une vie normale et ont été mutilés. Nous espérons que la reconnaissance qu’ils sont notre mémoire vivante peut leur être un soutien, tandis que nous cherchons à les aider à trouver une solution pour leur vie.

Aujourd’hui, Gaza est sous le coup de la même alarme, prête à faire de son mieux pour contenir et limiter la diffusion de l’infection virale qui se répand dans le monde. Nous savons très directement que même dans les pays européens où la santé publique est meilleure, les capacités à faire face à l’épidémie sont insuffisantes.

Nous sommes au courant des difficultés imposées au système de santé de santé de Gaza par la précarité volontairement imposée par le siège et de son aggravation due à la mutilation de milliers de manifestants de la Marche du retour et nous comprenons les efforts actuels de confinement, de mise en quarantaine et d’hygiène entrepris à Gaza.

Et nous espérons que notre soutien collectif pourra aller jusqu’à vous, nous espérons que cette urgence ne mettra pas Gaza encore plus en difficulté pour assurer la santé publique, comme le système d’occupation s’est débrouillé pour le faire à chaque situation d’urgence précédente. Aussi, jusqu’à ce que nous réussissions, nous continuons à demander la levée du siège et l’ouverture d’une voie maritime vers le monde dans les eaux internationales, ainsi que la construction d’un port.

Nous demandons aussi la mise en liberté des prisonniers palestiniens des prisons israéliennes, les enfants prisonniers, les prisonniers en détention administraitve et nous demandons la sécurité sanitaire immédiate et la possibilité de communiquer avec les familles pour tous les prisonniers.

Nous, habitants du monde, sommes avec vous et ferons de notre mieux pour soutenir la lutte pour la liberté dans l’urgence et à long terme, pour le retour et pour de meilleures ressources.

Solidairement

Ceux de l’appel “Nous-Pour-Gaza”

EU and Israel – the Case of Complicity

EU research funds have been a very important source of funding for Israeli academics, corporations, and state institutions, among them a number of military companies and those involved in illegal Israeli settlements. Although Israel is not an EU country, since 1995 Israeli applicants have been able to access EU research funds on the same basis as EU member states through the EU- Israel Association Agreement.

For many years European and Palestinian civil society and human rights organisations have been raising concerns over EU taxpayers’ money being channeled to Israeli companies and institutions accused of war crimes and involved in violations of international law and human rights.

Read the full EU_Israel_Complicity declaration by ECCP.

PHROC Condemns the Death of Palestinian Sick Prisoner Sami Abu Diyak

On 26 November 2019, Palestinian prisoner Sami Abu Diyak died in al-Ramleh Prison Clinic. Abu Diyak was arrested on 17 July 2002, two of his friends were killed during his arrest and another injured. After his arrest, he went through intensive interrogation at the Jalameh interrogation center where he was subjected to various types of physical and psychological torture. During the interrogation period, he was transferred to the hospital three times as a result of the torture and after each time the Israeli occupation forces brought Sami Abu Diyak directly from the hospital to the interrogation rooms once again. After 75 days of this intensive interrogation and torture, the military occupation court sentenced Sami Abu Diyak to three life sentences and 30 years in prison. He has served 17 years, many of them being transferred in and between prisons, clinics, and hospitals.

Read the full statement of the Palestinian Human Rights Organizations Council.

 

Joint Parallel Report to the United Nations Committee on the Elimination of Racial Discrimination on Israel’s Seventeenth to Nineteenth Periodic Reports

By Al-Haq – Law in the Service of Man, BADIL Resource Center for Palestinian
Residency and Refugee Rights, the Palestinian Center for Human Rights, Al Mezan Centre for Human Rights, Addameer Prisoner Support and Human Rights Association, the Civic Coalition for Palestinian Rights in Jerusalem, the Cairo Institute for Human Rights Studies, and Habitat International Coalition – Housing and Land Rights Network

Read the Report

Joint Parallel Report to CERD on Israel’s 17th–19th Periodic Reports (10 November 2019)

One year later, we4Gaza

One year ago we issued a call to the European Parliament and to the EU High Representative for foreign affairs to reconsider, actualize and enact the deliberations already previously approved that could grant the opening of the Rafah border under EUBAM, and to start collection of funds and issue a tender for the reconstruction of the port in Gaza.

The “humanitarian emergency” that led Gaza to be without medicines, sewage, commerce and jobs has been planned carefully and enacted harshly along years by Israeli.

We asked that Europe act to grant a port and stably opened borders. We did not call for the opening any other border under Israeli control. Under the claim of prevention of “dual use” (use of merchandise other than for civilian purposes) Israeli have reduced, prohibited, tricked and controlled the arrival in Gaza of everything along 11 years, eventually determining the present scarcity. Is this control that needs to be removed.

Our call was directed to Europe because of the potential through its previous deliberations for a port and for guarding the borders to rapidly activate the autonomous development for Gaza, liberating the people from the burden that the Israeli (and Egyptian) blockade impose.

We, one year later, acknowledge that, beside a joint meeting of the E.P. Subcommittee on Human Rights and Delegation for relations with Palestine, no priority was given to any of the actions for Gaza by the European High Representative, the European Commission or the Parliament.

Meanwhile, the blockade was aggravated further by the Israeli Government and through internal and proxy measures, the Rafah border was closed almost year long up to the second week of Ramadan (3rd week of June), UNRWA funds were cut by US, and it is menaced itself of closure and on the verge of having to cut educational and health services and food assistance to up to 80% of the Gaza residents. According to Israeli there is “no refugee issue” and no responsibility of providing by the sieging party.

Meanwhile, the Great March for Return has shown the will and determination not of few but of a generation of Gaza youth to take an unarmed path of political protest against the blockade, to request freedom. Unequivocally, and in unity, the population of Gaza is asking for autonomy and freedom to reach outside for commerce, study, work, visiting, developing.
It requests the lifting of the blockade without ambiguity. This is surely conflicting with the Israeli project of continuing to control every aspect of life in Gaza, as reflected also in the criminal aggression that confronted the people in the March.

Meanwhile, the situation evolved with the announcement by Israel Government of its will to solve the “humanitarian crisis”, and by US of the “deal of the century” for Palestine. The core issue on the agenda is the port for Gaza.
The way Israeli proposed to build a port does not include removal of the blockade, but charging its costs and responsibility on the international community, or on a coalition of willing parties while continuing the total control. It contains at the same time the potential, in similarity to the talks within the Oslo peace process, of consolidating its expansion and power even without building the seaport.

This cannot breed peace and development.
It is impossible to think of peace without justice and there is no justice without recognition of the Palestinians’ rights, their autonomy and the end of the siege of Gaza.
In this political context, a further standstill of decision by Europe, would be acceptance if not collaboration with the political and practical process of occupation by Israeli; a clear position must be taken rapidly to remove the blockade.

The Israeli claim is: “we want peace and we want to build a port to solve the humanitarian situation of Gaza”, but “we cannot trust in any foreigner’s hands the security of our country, we have to protect ourselves from the risk of dual use”, thus we have to be the exclusive controllers of the port. This imply continuation of the blockade.

The proposal of a port for Gaza it itself is no news; in time it was presented once and again, always to be cancelled. It was already part of the Oslo agreement (a port was even built and shortly destroyed by bombing), it had sunk into oblivion after Israeli opposed its reconstruction by Europe in the early 2000, it was resuscitated in 2011 by Israeli Minister Kahz, and it was one of the requests from Gaza at the armistice at the end of the 2014 attacks.

The proposal now seem designed to go ahead due to the support from allies who grant to foster, perfect and reinforce the legitimacy of the blockade. It couples the claim to fulfill an “humanitarian urgency” with pressure on the international community, under the condition that the Israeli will control the location and functioning of a port for Gaza.

There is no difference in (or the need for) a seaport when its rules of functioning will be the same as those of the existing the land borders, that enforced the blockade of Gaza for the last 11 years. Such a port would not relieve Gaza from the total, historically arbitrary and oppressive, most often punitive, when not openly criminal, control of Israel on the population.

In the Israeli plan for a port or in the proposal called “the deal of the century” by US (still to be fully unveiled), there is no promise of positive change for Gaza people or of substantial relief from the blockade does not mean that there is not a reason of profit for Israel and its allies.

The common denominators of the vented proposals of seaport for Gaza by Israeli and US, and other supporters, intertwine with each other:

1- In all the proposals the seaport is not on Palestinian land. The locations proposed being El Arish in Egypt, Cyprus or a in more creative version, a new artificial island ashore off Gaza. Security is claimed as the reason for these choices, but it emerges that it may not be the only reason, as below.

2-In all the proposals is requested that the expenses to build and run the seaport will be sustained by “international parties”; these may vary according to the proposed location of the seaport, suggesting that there would be an open tender to the best offer to support the Israeli’s continuing hegemony on Gaza and foster its extension in the Mediterranean. Israel will be the one to give ultimate permission to build a seaport, subject to forward political, practical control of the blockade of Gaza, and to acquire more profits and political power in the Mediterranean area at large.

3-In all the proposals the unique controller of the port will be Israeli, its rules prevailing over any international set of rules. Israel will be the one to determine the rules of function, decide who works there, who serves in the security, in the services etc. and, off course, what and who passes through, by a set of self-determined rules of sort. Since the expenses for this will be on the international community, this will thus legitimate these rules, analogous to those which rule now the land border of Gaza denying freedom for Gaza at any level.

The “deal of the century” indeed, from every point of view, but only for Israel.

We demanded one year ago, and continue to ask, that Europe takes the responsibility of the disasters that its blind support for Israeli governments have produced and continue to allow to be conducted in Palestine, and acts to restore the legitimate rights to freedom for the people of Gaza.

We asked that Europe will use mechanisms already in existence, that could most rapidly grant the self determination of the Palestinians as to what they commerce, who they commerce with, who will travel and who will return home.

We demanded a year ago, and still demand, that Europe acts towards the release of Gaza from the blockade by exercising equity towards the people of Gaza in agreement with international laws and UN deliberations.

Any other position, in the present circumstances would be collaboration to further the enslavement of Gaza people and the dissolution of Palestine.

And it is also highly the time that Europe shows to his own people that words so often used like “equity” and “concern for human rights” and “autonomy of the people” signify actions.

July 10, 2018

 

 

Italian translation

we4Gaza, un anno dopo

Un anno fa abbiamo rivolto un appello al Parlamento europeo e all’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri perchè riconsiderassero, ed attualizzassero le deliberazioni già approvate in precedenza che potrebbero garantire l’apertura del confine di Rafah nell’ambito dell’EUBAM e perchè avviassero la raccolta di fondi per la ricostruzione del porto di Gaza.

La “emergenza umanitaria” che ha portato Gaza a non avere medicine, fognature, commercio e posti di lavoro è stata pianificata con cura e attuata duramente per anni da Israele.

Abbiamo chiesto che l’Europa agisse per garantire un porto e aprire stabilmente frontiere. Non abbiamo chiesto l’apertura di nessun altro confine sotto il controllo israeliano. Sotto la pretesa di prevenzione del “doppio uso” (uso delle merci per scopi diversi da quelli civili), Israele ha ridotto, proibito, e controllato l’arrivo a Gaza di tutti i prodotti per gli ultimi 11 anni, determinando infine l’attuale scarsità. È questo controllo che deve essere rimosso.

La nostra chiamata è stata indirizzata verso l’Europa a causa del potenziale presente nelle sue precedenti deliberazioni di costruire un porto e di custodire le frontiere, per attivare rapidamente ad uno lsviluppo autonomo di Gaza, liberando la popolazione dal peso imposto dal blocco israeliano (e egiziano).

Un anno dopo il nostro appello, riconosciamo che, oltre a una riunione congiunta dei Presidenti della Sottocommissione per i diritti umani e della delegazione per le relazioni con la Palestina, nessuna delle azioni per Gaza è stata considerata dall’Alto Rappresentante europeo, dalla Commissione europea o dal Parlamento.

Nel frattempo, il blocco è stato ulteriormente aggravato dal governo israeliano e, attraverso misure interne e proxy, il confine di Rafah è stato chiuso per quasi un anno fino alla seconda settimana di Ramadan (3a settimana di giugno), i fondi dell’UNRWA sono stati tagliati dagli Stati Uniti, ed è minacciata di chiusura e si trova sul punto di dover ridurre i servizi educativi e sanitari e l’assistenza alimentare che provvede all’80% dei residenti di Gaza. Secondo il governo israeliano non c’è “nessuna questione dei rifugiati” e nessuna responsabilità per la loro sopravvivenza da parte sua.

Nel frattempo, la Grande Marcia per il Ritorno ha mostrato la volontà e la determinazione non di pochi ma di una generazione di giovani di Gaza di intraprendere un percorso disarmato di protesta politica contro il blocco, per chiedere libertà. Inequivocabilmente, e unitariamente, la popolazione di Gaza chiede autonomia e libertà per svolgere commerci, studiare, lavorare, visitare, svilupparsi. Richiede la cancellazione del blocco senza ambiguità. Questa richiesta è sicuramente in conflitto con il progetto israeliano di continuare a controllare ogni aspetto della vita a Gaza, e ciò si è visto anche nell’aggressione criminale con cui ha affrontato la protesta dal marzo scorso.

Nel frattempo, la situazione si è evoluta con l’annuncio da parte del governo israeliano della sua volontà di risolvere la “crisi umanitaria”, e dagli Stati Uniti della “soluzione del secolo” per la Palestina. La questione centrale all’ordine del giorno è il porto di Gaza.
Il modo in cui Israele ha proposto di costruire un porto non include la rimozione del blocco, ma comprende l’addebito dei costi e delle responsabilità alla comunità internazionale, o una coalizione di alleati, mentre Israele continuerebbe ad avere il controllo totale. La proposta contiene allo stesso tempo il potenziale, in somiglianza con i colloqui all’interno del processo di pace di Oslo, di consolidare la espansione e potere israeliano anche senza costruire il porto marittimo.

Questo non può generare pace e sviluppo.
È impossibile pensare alla pace senza giustizia e non c’è giustizia senza il riconoscimento dei diritti dei palestinesi, della loro autonomia e della fine dell’assedio di Gaza.

In questo contesto politico, un’ulteriore sospensione della decisione da parte dell’Europa, sarebbe una accettazione se non una collaborazione con il processo politico e pratico di occupazione da parte di Israele; una posizione chiara deve essere presa rapidamente per rimuovere il blocco.

L’affermazione israeliana è: “Vogliamo la pace e vogliamo costruire un porto per risolvere la situazione umanitaria di Gaza”, ma “non possiamo fidarci delle mani di nessuno straniero per la sicurezza del nostro paese, dobbiamo proteggerci dal rischio dell’uso improprio delle merci, quindi dobbiamo essere i controllori esclusivi del porto. Ciò implica la continuazione del blocco.

La proposta di un porto per Gaza di per sé non è una novità; col tempo è stato presentato una volta ancora, sempre per essere cancellato. Era già parte dell’accordo di Oslo (un porto è stato persino costruito e distrutto dai bombardamenti), è caduta nel dimenticatoio dopo che Israele ha si è opposto alla sua ricostruzione da parte dell’Europa nei primi anni 2000, è stata riesumata nel 2011 dal ministro israeliano Kahz, ed è stata una delle richieste di Gaza all’armistizio alla fine degli attacchi del 2014.

La proposta ora sembra progettata per andare avanti valendosi del sostegno da parte degli alleati, che permette di favorire, perfezionare e rafforzare la legittimità del blocco. Accoppiate sono la richiesta di soddisfare una “urgenza umanitaria” ed il fare pressioni sulla comunità internazionale, con la condizione che lsraele controlli la posizione e il funzionamento di un porto per Gaza.

Non vi è alcuna differenza nello (e nessun bisogno di) avere un porto marittimo quando le sue regole di funzionamento siano le stesse delle esistenti frontiere terrestri, che hanno rafforzato il blocco di Gaza negli ultimi 11 anni. Un simile porto non solleverebbe Gaza dal controllo totale, storicamente arbitrario e oppressivo, più spesso punitivo, quando non apertamente criminale, di Israele sulla popolazione.

Nel piano israeliano per un porto o nella proposta chiamata “l’accordo del secolo” dagli Stati Uniti (ancora da svelare completamente), non vi è alcuna promessa di un cambiamento positivo per la popolazione di Gaza o di sostanziale sollievo dal blocco. Ciò però non significa che non c’è una ragione di profitto per Israele e per i suoi alleati.

I denominatori comuni delle proposte ventilate di porto di Gaza di Israele e Stati Uniti e di altri loro sostenitori si intrecciano tra loro:

1- In tutte le proposte il porto non si trova in terra palestinese. Le località proposte sono El Arish in Egitto, Cipro o, in versione più creativa, una nuova isola artificiale al largo di Gaza. Si rivendicano ragioni di sicurezza per queste scelte, ma emerge che potrebbe non essere l’unica ragione, come qui di seguito.

2-In tutte le proposte è richiesto che le spese per costruire e gestire il porto siano sostenute da “parti internazionali”; queste potrebbero variare in base alla posizione proposta per il porto, suggerendo che ci sarebbe una gara d’appalto aperta alla migliore offerta per sostenere l’egemonia israeliana continua su Gaza e favorire la sua estensione nel Mediterraneo. Sarà Israele a dare il permesso finale di costruire un porto soggetto alla sua esigenza di controllo politico e pratico del blocco di Gaza e ad acquisire maggiori profitti e potere politico nell’area mediterranea in generale.

3-In tutte le proposte il controllore unico del porto sarà Israele, le sue regole prevalgono su qualsiasi insieme di regole internazionali. Sarà Israele a determinare le regole di funzionamento, a decidere chi lavora lì, chi serve nella sicurezza, nei servizi ecc. E, naturalmente, cosa e chi passa attraverso una serie di regole di ordinamento autodeterminate. Poiché le spese per questo saranno a carico della comunità internazionale, questa legittimerà quindi queste regole, analoghe a quelle che ora governano il confine terrestre di Gaza, negando la libertà per Gaza a qualsiasi livello.

La “soluzione o affare del secolo” in effetti, sotto ogni punto di vista, ma solo per Israele.

Abbiamo chiesto un anno fa, e continuiamo a chiedere, che l’Europa si assuma la responsabilità dei disastri che il suo cieco sostegno ai governi israeliani ha prodotto e continua a permettere di essere condotti in Palestina, e che agisca per ripristinare i legittimi diritti alla libertà per il popolo di Gaza.

Abbiamo chiesto che l’Europa utilizzi i meccanismi già esistenti, che potrebbero garantire più rapidamente l’autodeterminazione dei palestinesi su ciò che commerciano, con chi commerciano, chi viaggerà e chi tornerà a casa.

Abbiamo chiesto un anno fa, e chiediamo ancora, che l’Europa agisca verso la rimozione totale dal blocco di Gaza esercitando equità nei confronti del popolo di Gaza, in accordo con le leggi internazionali e le deliberazioni ONU.

Qualsiasi altra posizione, nelle circostanze attuali, sarebbe la collaborazione per favorire l’asservimento della popolazione di Gaza e la dissoluzione della Palestina.

Ed è anche il momento che l’Europa mostri al suo popolo che le parole usate così spesso come “equità” e “preoccupazione per i diritti umani” e “autonomia del popolo” significano azioni.

10 Luglio, 2018

To the people of Gaza that march for return

We, people, movements, associations that struggle for you to achieve freedom and dignity and satisfy the human right and the needs of your Palestine, write today to honour the people of Gaza, the march of return and share the sorrow for the martyrdom of so many of your people, children, youth and adults.

We, this time, want that our message of solidarity and respect for your just cause reaches you directly through your own journals, so that you know directly that you are heard, respected above and beyond propaganda, disinformation and confusion.

We truly understand that Gaza is struggling for its survival, but its people are also in fact leading the unity for Palestine and that this has been taken in your collective hands, and we assure you that the message has reached out in the world.

In respect and solidarity

Free Gaza for free Palestine

 

Sign this at www.change.org/p/the-people-of-gaza-to-the-people-of-gaza-that-march-for-return

 

 

العزيزات والأعزاء العاملين في وسائل الإعلام المحلية

تحية طيبة وبعد،،،

أرجو نشر وتعميم هذه الرسالة في وسائل إعلامكم الموقرة، وهي عبارة عن رسالة تعبر عن تضامننا ووقوفنا إلى جانب أهل غزة بالنيابة عن اتحادات وحركات وشخصيات في الخارج
نأمل أن تتمكنوا من نشرها يوم 17 في أي وقت يناسبكم

المرفق هو الرسالة باللغة الإنجليزية والعربية والإيطالية
وهي تحمل توقيع 3 مؤسسات وقعت على الفور في الصباح الباكر … سأقوم بتحديث التواقيع التي ستأتي في وقت لاحق.

تقبلوا فائق الاحترام والتقدير

 

Sign this at www.change.org/p/the-people-of-gaza-to-the-people-of-gaza-that-march-for-return

 

Alla gente di Gaza che marcia per il ritorno

Noi, le persone, i movimenti, le associazioni che lottano perché la Palestina raggiunga la libertà e la dignità e i diritti umani e le necessità della Palestina siano soddisfatti, scriviamo oggi per onorare la gente di Gaza, la marcia del ritorno e condividere il dolore per il martirio di così molte delle vostre persone, bambini, giovani e adulti.

Noi, questa volta, vogliamo che il nostro messaggio di solidarietà e rispetto per la vostra giusta causa vi raggiunga direttamente attraverso i vostri giornali, in modo che sappiate direttamente che siete ascoltati e rispettati al di sopra e al di là della propaganda, della disinformazione e della confusione.

Comprendiamo veramente che Gaza sta lottando per la sua sopravvivenza, ma il suo popolo sta anche guidando l’unità per la Palestina e che questo scopo è stato preso nelle vostre mani collettive, e vi assicuriamo che il messaggio ha raggiunto il mondo.

Nel rispetto e nella solidarietà

Gaza libera è la Palestina libera

 

Sign this at www.change.org/p/the-people-of-gaza-to-the-people-of-gaza-that-march-for-return

 

 

 

First signatories:

The Brussells Tribunal, Belgium
Agostinelli Mario president Energiafelice, Italy
Alkemia Laboratori Multimediali – Modena – Italia
Associazione di amicizia italo palestinese onlus di Firenze, Italy
Attac Savona, Italy
Belgian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel
Call for Gaza Children, Genova, Italy
CAPJPO-Europalestine (France)
Casa dei Circoli, Culture e Popoli di Ceriale, Savona Italy
Centro Memorial Dr. Martin Luther King, Jr. la Habana Cuba
Comitato Savonese Acqua Bene Comune, Italy
Coordinamento Lombardo Palestina, Italy
Cultura e libertà, ass. Italy
David Halpin, UK
Dominique Willaert (artist – Belgium)
Enrico Campofreda giornalista
Flora Cappelluti
Fuori confine, Italy
Gianni Tognoni, Istituto Mario Negri e Tribunale dei popoli Lelio Basso, Italy
Heather Stroud, UK
IFE Italia (www.ifeitalia.eu), Italy
Il centro di Solidarietà Internazionalista Alta Maremma, Italy
Invictapalestina – centro di documentazione su Palestina e Medioriente, Italy
Ireo Bono-Italy
National Institution of Social Care and Vocational Training- Beyt Atfal Assumoud, Lebanon
Nicoletta Pirotta, Italy
NWRG-onlus. Italy
Parallelo Palestina, Italy
Rete ECO., Italy
Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese, Italy
Roberto Melone, Italy
Salaam ragazzi dell’olivo -Milano-Onlus
Tadhamun, Iraqi Women Solidarity
Association belgo palestinienne
British Committee for the Universities of Palestine (BRICUP), UK
Diensten Onderzoek Centrum Palestina (DocP), NL (Nederland)
Salaam ragazzi dell’olivo comitato di Trieste
Gruppo Ibriq per la cultura e la causa palestinese
Gibanje za pravice Palestincev, Slovenia
Ludo De Brabander, spokesperson Vrede vzw, Belgium

 

 

 

Call for a world wide campaign

UPDATE – OCTOBER 3, 2017

Signatures are more than 4000. We have added some materials in the section References. There is a summary of what was added, followed by the links and files.

 

UPDATE – AUGUST 16, 2017

Signatures are more than 3600. We have added some materials in the section References. There is a summary of what was added, followed by the links and files.

 

UPDATE – JULY 29, 2017
Over 3400 individuals and 60 associations and networks from across the world have come together to call for an end to Israel’s policies which are leading to the slow extermination of a population already affected by several military attacks in the Gaza Strip. The campaign, “Gaza alive is life for Palestine“, has received support from Professor Noam Chomsky, Ann Wright, former US Army colonel and peace activistNobel Peace Prize winner Mairead Corrigan Maguire and former Vice President of European Parliament Luisa Morgantini amongst others. See Middle East Monitor

Two days ago there was a cacerolada in Madrid: 10 years ago the block against Gaza was started
www.facebook.com/events/1845593025757290/?ti=icl

PETITION
Gaza alive is life for Palestine

ITAESP – عربىSIGN TODAYREFERENCES

With the life of people in Gaza seriously endangered, it is the duty of the people of the world, of associations, groups and religious denominations to take responsibility and act. We need to take action to ensure this slow genocide finds its place on the international agenda.

First and foremost, our sights must be on the siege, imposed by the Israeli authorities and actively supported by the Egyptian government. Culpability is also shared by those of their allies who, actively or passively, persist in colluding to deprive Gaza’s people of human rights, essential supplies, medicines, sewage treatment, drinkable water, energy and freedom of movement.

This is not a natural catastrophe, but a man-made one.

Gaza’s slow strangulation highlights not only the sacrifice of the civilians there, but also what hopes may be left for autonomy, freedom and the survival of Palestine.

To those who ask, “Who profits from Gaza staying alive?” the answers are obvious: two million human beings living in Gaza and three million human beings living in the West Bank and East Jerusalem.

Gaza has been under siege for 10 years now. The 2014 ceasefire agreement between the Gaza Government and factions and the Israeli government included negotiations to open its land borders and provide a seaport, thus providing some relief from the siege.

Over the following three years, with some rare exceptions carried out by rogue actors, Gaza has honored its side of the deal. This has not been the case with the Israelis: low intensity attacks from land, sea and air have been an almost-daily occurrence, and have killed at least 30 Gazans, including fishermen. Rather than enforce the agreement brokered by them, the Egyptian authorities have tightened the siege and increased the suffering by bombing and flooding tunnels, and implementing an almost total closure of Rafah Crossing; the only alternative transit point for people, food, medicines and many other civilian supplies not permitted entry by Israe l-not even after the elaborate agreements reached with the UN for the entry of construction materials to rebuild the thousands of destroyed homes these have been respected by Israel.

Hundreds of deaths have already resulted from a lack of medicines, treatments such as radiotherapy and chemotherapy, and of instruments for diagnostics and care, and more will inevitably result from environmental contamination, poverty and subsequent poor nutrition of the most fragile sectors of the population- especially children. The electricity, fuel, sewage and water situations have become unbearable and untenable, impacting severely on public health. The collapse of productive and commercial activities has resulted in an unemployment rate of over 40% and a consequent sense of despair among the population, affecting mostly the youth.

The currently silent European Union has failed to maintain even its pre-existing commitments. Most obvious is its failure to keep the Rafah border open under the still-active EUBAM mechanism. Similarly, it has abandoned an approved project for a Gaza seaport. Both of these were contained in the 2014 agreements for the cessation of hostilities.

The UN has failed to implement its many Resolutions.

We have been urged to act also by the most recent calls of the PHROC (Palestinian Human Rights Organizations Council), Physicians for Human Rights and by the condemnation expressed by Gisha (Israeli Legal Center for the Freedom of Movement in the Occupied Palestinian Territories) and the many others now being issued to build up an international campaign for Gaza that presents not only emergency requests, but a list of structural needs to be satisfied.

The list of the interventions is long – because inaction has persisted even longer and it will just keep mounting until change occurs. The time to act and provide what is so urgently needed is short.

The right to health, and to life, can only be guaranteed by a fully-functioning health system, by the provision of essential infrastructure and by a functioning economy. These should be provided by the authorities enforcing the siege. With no firm deadlines or sanctions in place, the international humanitarian laws requiring the occupying entity to provide to the needs of the occupied population have been disregarded and violated for too long. Time has now run out.

In the establishment of an integrated plan for the provision of tools, to accompany the first step in exercising international pressure on the Israeli authorities to fulfill their responsibilities and obligations under international law, it will be necessary to be ready to directly meet the Palestinian people’s essential needs and to do so within a framework that is independent of the parties denying these needs and upholding the siege.

So, we ask the international community of States, the European Union and the UN to act immediately and on a long-term plan of action. There are already frozen funds and approved projects that could accommodate many of the following requests:

– Immediate and stable supply of medicines, medical surgical devices, instruments and their parts, to restore very rapidly the deficits in provision of health services, and grant their maintenance.

– Immediate provision of a stable supply line of fuel to generate energy and of new energy cables to cover needs during construction of a second power plant in Gaza.

– Immediate, stabilized 24/7 opening of the Rafah border by EUBAM.

– Construction of a desalination plant of the size needed to provide drinking water for the whole community.

– Construction of the promised sea port while temporarily ensuring the activation of a small passenger and small items vessel service between Gaza and Cyprus.

– Provision of solar energy plants for all hospital structures serving more than 500 patients/month and for advanced specialist care departments regardless of the number of patients treated, and, in the interim, temporary provision of fuel to cover the requirements of existing generators.

– Delivery of cement and other items needed for housing reconstruction as already ascertained by the UN and UNRWA.

– Reconstruction of the destroyed sewage system and its expansion to meet the population’s needs.

– Establishing and building rubbish recycling and disposal services and plants.

– Granting independent access to satellite and telephone communications.

– Granting the possibility to produce and use local products for trade abroad and to purchase consumer goods from the free market.

If any of the above requests are met, work will restart and the education sector will also see improvements, the circulation of money and goods will make a return in Gaza, and young people may once more have a future to look forward to.

The slow genocide being imposed on the people of Gaza can no longer be accepted. A free Gaza represents the only healthy leverage in the forging of a democratic process in Palestine and its self determination.

Thus is the only realistic step on the road to peace. Act now!

Call started on July 1, 2017 by
Appello per i Bambini di Gaza, Genova, Italia
Cultura e Libertà, una campagna per la Palestina, Italia
NWRG, onlus, Italia

Contact: wexgaza@gmail.com

 

 

 

 

Appello per una campagna internazionale

ENGESPعربى – firma adessolink

Gaza deve vivere per la vita di tutta la Palestina

La vita della popolazione di Gaza è seriamente messa in pericolo e noi, cittadini/e del mondo, associazioni, gruppi, non credenti e credenti di fedi diverse, sentiamo la responsabilità di agire laddove le Risoluzioni hanno fallito, e porre all’attenzione internazionale questo lento genocidio.

Prima di tutto il nostro sguardo si appunta sull’assedio, imposto dalle Autorità israeliane e attivamente sostenuto dal Governo Egiziano. Con un concorso di colpa anche di quei loro alleati che, in modo attivo o passivo, persistono nel privare la popolazione di Gaza dei diritti umani, dì rifornimenti essenziali, di medicine, di trattamento del sistema fognario, di acqua potabile ed elettricità, di libertà di movimento.

Non si tratta di una catastrofe naturale, ma prodotta dall’uomo.

Il lento strangolamento di Gaza mette in luce non solo il sacrificio di quella popolazione civile, ma mette in gioco anche le nozioni di autonomia, libertà, in quanto diritti universali e la sopravvivenza stessa della Palestina.

Come cittadini/e del mondo, la nostra responsabilità e il nostro interesse nei confronti del popolo di Gaza è chiedere la sua liberazione, passo essenziale per la liberazione e la conservazione della Palestina.

Alla domanda di coloro che chiedono “Ma chi ci guadagna dalla sopravvivenza di Gaza?” le risposte sono ovvie: i quasi due milioni di esseri umani che vivono a Gaza, e i tre milioni di esseri umani che vivono in Cisgiordania e a Gerusalemme.

Gaza è sotto assedio da 10 anni. L’accordo per il cessate il fuoco del 2014 tra il Governo di Gaza e diverse fazioni palestinesi e le Autorità israeliane, comprendeva negoziati per aprire le frontiere di terra e fornire un porto di mare, in modo tale da alleggerire l’assedio.

Nei tre anni successivi, con rare eccezioni di qualche atto irresponsabile, Gaza per parte sua ha onorato l’accordo. Ma non è avvenuto lo stesso da parte di Israele: attacchi di bassa intensità, dalla terra, dal mare e dall’aria quasi quotidiani e uccisioni di almeno 30 abitanti di Gaza, tra cui pescatori. E le Autorità egiziane, invece di mettere in pratica l’accordo da loro favorito, hanno stretto l’assedio e aumentato la sofferenza, bombardando e allagando tunnel e mettendo in pratica una quasi totale chiusura della loro frontiera con Gaza, l’unico punto di transito alternativo per persone, cibo, medicine e molti rifornimenti civili la cui entrata non è permessa dal confine israeliano.

Israele non ha rispettato nemmeno gli accordi elaborati con le Nazioni Unite per l’entrata dei materiali da costruzione per ricostruire le migliaia di case distrutte dalle sue ultime aggressioni militari.

Si contano ormai centinaia di morti per mancanza di medicine, di cure come radioterapia e chemioterapia, per mancanza di strumenti per la diagnostica e la cura, e aumenteranno inevitabilmente per l’inquinamento ambientale, la povertà e la conseguente malnutrizione dei settori più fragili della popolazione, in particolare i bambini. La carenza di elettricità, carburante, la mancanza di fognature e di acqua potabile è insostenibile e insopportabile, e incide sulla salute pubblica. Il crollo delle attività produttive e commerciali causa oltre il 40% di disoccupazione, con la conseguente disperazione di una popolazione per lo più giovane.

L’Unione Europea, attualmente silenziosa, non è stata neanche in grado di mantenere i suoi impegni preesistenti. Ancor più chiaro il suo fallimento nel tenere aperto il passaggio di Rafah secondo il meccanismo ancora attivo EUBAM. Analogamente è stato abbandonato un progetto approvato per un porto a Gaza. Entrambi questi impegni erano contenuti negli accordi 2014 per la cessazione delle ostilità.

Le Nazioni Unite hanno fallito nell’emanazione delle loro tante Risoluzioni, in quanto Israele non ne ha mai rispettata nessuna, senza per questo subire sanzioni.

Anche i recenti appelli del Palestinian Human Rights Organisations Council (PHROC), dei Physicians for human rights, la denuncia di Gisha e le tante denunce che si susseguono, ci sollecitano a sviluppare una campagna internazionale per Gaza, non solo con richieste sull’emergenza, ma presentando una lista di bisogni strutturali da soddisfare.

La lista degli interventi è lunga – perché l’inazione di fronte alle tante violazioni dei diritti umani è stata ancora più lunga. E crescerà, se non interviene un cambiamento. Ma il tempo per agire è breve se si vuole che le decisioni siano efficaci.

I diritti alla salute e alla vita possono essere garantiti solo da un sistema sanitario pienamente funzionante, dalla fornitura di infrastrutture essenziali, da una economia che funzioni. Sono condizioni che, secondo il Diritto Umanitario internazionale dovrebbero essere fornite dalle autorità occupanti, ma in mancanza di scadenze vincolanti e senza sanzioni il Diritto umanitario internazionale è stato disprezzato e violato troppo a lungo, fino ad essere reso “inutile”. Adesso il tempo è scaduto.

Mentre si concerta un piano integrato per la messa a disposizione di strumenti e si fanno i primi passi per una pressione internazionale sulle Autorità israeliane affinché adempiano alle loro responsabilità e obblighi derivanti dal Diritto internazionale, è necessario essere pronti a rispondere direttamente ai bisogni fondamentali del popolo palestinese e farlo in un quadro di indipendenza dal chi queste necessità nega, mantenendo l’assedio.

Dunque chiediamo alla Comunità internazionale degli Stati, alla Unione Europea e alle Nazioni Unite di agire immediatamente e per un piano di azione a lungo termine. Ci sono già fondi congelati e progetti per rispondere a molte di queste richieste.

– Fornitura immediata e stabile di medicine, presidi medico chirurgici, strumentazione medica e sue componenti, per ripristinare molto rapidamente quanto manca per provvedere alla salute e garantirne il mantenimento.

– Immediata disposizione di una linea stabile di fornitura di carburante per generare energia e nuovi cavi per coprire le necessità, mentre a Gaza si ricostruisce un secondo impianto di produzione

– Apertura immediata e stabile 24/7 del passaggio di Rafah attraverso EUBAM.

-Impianti di desalinizzazione costruiti secondo le tecniche e le misure adeguate a provvedere acqua potabile per l’intera comunità.

– Costruzione del porto e nel frattempo attivazione temporanea di un servizio di piccoli battelli per passeggeri e piccoli carichi, con la terra più vicina, Cipro.

– Fornitura di impianti di energia solare per tutte le strutture ospedaliere che servono più di 500 pazienti al mese e ai dipartimenti per cure specialistiche avanzate indipendentemente dal numero di pazienti e, nel frattempo, fornitura temporanea di carburante per coprire le necessità dai generatori esistenti.

– Fornitura di cemento ed altri materiali necessari per la ricostruzione delle abitazioni, già accertate da Nazioni Unite e UNRWA.

– Ricostruzione ed espansione, come necessaria, del distrutto sistema fognario.

– Costruzione di servizi e impianti di riciclaggio e smaltimento dei rifiuti

– Garantire accesso indipendente alla comunicazione satellitare e telefonica

– Garantire la possibilità di produrre e utilizzare prodotti locali per scambi economici con l’estero, per la compravendita di prodotti per il consumo sul mercato libero

Se si verificano queste condizioni il lavoro potrà ricominciare e anche il settore dell’istruzione migliorerà, a Gaza tornerà la circolazione di beni e danaro, e i giovani potranno avere un futuro.

Non è più accettabile il lento genocidio imposto al popolo di Gaza.

La libertà di vivere del popolo di Gaza è la sola sana leva per un processo democratico in Palestina e per la autodeterminazione del suo popolo.

Dunque è anche il solo piano realistico per la pace. Agire adesso!

 

Petizione lanciata l’11 luglio 2017 da

Appello per i Bambini di Gaza, Genova, Italia

Cultura e Libertà, una campagna per la Palestina, Italia

NWRG, onlus, Italia

 

Contatto: wexgaza@gmail.com